Visualizzazioni totali

venerdì 3 febbraio 2017

Mercyful Fate e King Diamond: Pensieri Sul Satanismo, Sugli Spiriti e Demoni

"La notte è il mio regno. lo odio la luce del giorno, nel mio appartamento ho sempre le tende tirate. Io amo le situazioni oscure e cariche di tenebrosa atmosfera. I nostri riti sono molto eccitanti, ma molti li trovano un po’ paurosi per la pesante atmosfera che si viene a creare. I partecipanti sono trasposti in una inconsueta dimensione che è troppo eccitante per non essere vissuta"

I Mercyful Fate furono una band danese fondata a fine anni 70.
Diedero un contributo notevole sia dal punto di vista musicale che testuale, senza scordarci di quello scenografico.
A livello musicale influenzarono sia la scena Heavy Metal che Prog spostata verso l'Horror, inoltre furono la prima band Metal a cantare in falsetto.
Niente si può dire dal punto di vista strumentale ai due formidabili chitarristi Hank Shermann e Michael Denner capaci di assoli veloci e allo stesso tempo ispirati e melodici.
Per quanto riguarda le tematiche invece influenzeranno molte band Black Metal norvegesi degli anni 90.
Esoterismo, satanismo, occultismo, riti, magia nera.
Il satanismo di King Diamond fu influenzato dagli insegnamenti di Anton LaVey.
Coperto dal face-paint con tanto di croce rovesciata sul viso, bardato di pelle e con catene, egli si è sempre esibito utilizzando un microfono costituito da ossa umane (incrociate a forma di croce rovesciata).
La mascotte del gruppo e un teschio, a cui la band ha dedicato il titolo di un album (Melissa).
Il cranio proveniva da un cimitero sconsacrato.
Melissa invece era il nome di una strega e, la cosa peculiare di questo cranio è che c'è un buco nella parte occipitale, sicuramente derivato da, pare, un colpo d'accetta (in Danimarca è illegale possedere ossa umane).
La madre di King Diamond nacque fuori da un normale matrimonio, perché la nonna di King era rimasta incinta dopo un rapporto col figlio del padrone e decise di abbandonare la figlia in quanto fonte di scandalo.
Quando la madre di King divenne adulta, tornò dall'anziana madre, perdonandola ma la nonna comunque non la riconobbe mai, neanche per riconoscenza, indicandola alle proprie amiche come una sorta di badante e senza rivelare loro il rapporto di sangue che invece le legava.
Ciò portò King Diamond ad odiare e disprezzare le visioni medievali imposte dalle religioni, portandolo a divenire un emissario del satanismo.

King Diamond: "Io sono il maestro di cerimonie, e dirigo i riti sul palco, la loro parte satanica, mentre gli altri devono solo fare i movimenti sul palco che la cerimonia richiede. 
L'immagine diversa fra me e il resto del gruppo dipende dalle diverse personalità che noi abbiamo. lo mi sono sempre presentato alle cerimonie con il volto dipinto, anche prima dei Mercyful Fate, e mi sono sempre interessato di terrore, magia nera. lo ho tutte le idee perverse e maligne e dedico che cosa deve essere aggiunto al nostro rito per renderlo mistificante. 
La magia nera è il mio primo interesse e il senso della mia vita, mentre per gli altri non lo è: loro assistono a quello che io faccio, alcuni ne sono anzi un po’ impauriti.
Io pratico magia nera da molto tempo: la gente pensa che essa sia malvagia e cattiva, che il satanismo sia la pratica del Demonio, ma se avessero la voglia di leggere la Bibbia Satanica, avrebbero una opinione diversa. 
La Bibbia Satanica è qualcosa di molto realistico, è applicata alla vita quotidiana, invece di essere una religione astratta. C'è una frase che è fondamentale per capire il significato di questo legame con la realtà: “Do what ye will, shall be the whole of the law”, che significa fai quel che vuoi, cioé bevi, fuma, fai l'amore, non c'è niente di male in ciò. 
Altre chiese chiamano tutto ciò peccato; per loro i piaceri che l'uomo può ottenere dalla vita sono peccati che portano al tanto sbandierato inferno. 
Tutto ciò è assolutamente ridicolo. 
Io non sto cercando di convincere la gente a convertirsi al Satanismo, poiché penso che la cosa importante sia credere in qualcosa, ma essi non dovrebbero essere così astiosi nei suoi confronti"
"Ho letto il libro di LaVey e ho pensato che coincidesse con la maniera in cui io vivo la mia vita. Non è che fosse una grossa religione o qualcosa di simile, era uno stile di vita che sentivo mio al cinquecento per cento. Ed è semplicemente bello poter ritrovare i propri punti di vista ed i propri pensieri messi per iscritto, in un libro: in un certo senso ti dà conforto. 
Io mi sono sentito proprio così e puoi trovarne un riflesso nei primi testi di King Diamond e dei Mercyful Fate. 
A quel tempo usavo la parola Satana e per me aveva un significato molto particolare, non era quello che gli davano tutti gli altri"

"Io non credo che chi ha fede in qualcuno o qualcosa sbagli, l'importante è che nessuno cerchi di convincermi delle proprie sicurezze e teorie! Le mie credenze sono diverse da quelle di chiunque altro, io non credo in quello che è scritto in questo o quel libro, ma posso comunque affermare che mi trovo d'accordo con il Satanismo, teoria descritta in maniera completa nella Bibbia di Anton Levey; e quello scritto non tratta propriamente di teologia o filosofia ma, molto più semplicemente, di logica. Segue e descrive gli istinti umani, non la spiritualità. Io credo che molte persone che mi conoscono sappiano che non credo in Satana nel senso cristiano del termine, così come non credo in Dio in senso satanista. Io personalmente parlo del fato, in quanto ritengo che nella vita di ognuno di noi esistano il fato e la fede. Io credo in qualcosa che, evidentemente, non è conosciuto e, soprattutto, accettato dalla gente. Noi non trasmettiamo impulsi negativi, semplicemente parliamo di come concepiamo la vita. E' una nostra convinzione, che non deve necessariamente essere la vostra. 
Il nostro messaggio è: vivi la vita come meglio credi, purché questo non sia dannoso al tuo prossimo. E questa è anche una risposta alle organizzazioni che da sempre ci attaccano" 


"La filosofia satanica non scinde inferno e paradiso come la cultura occidentale insegna: l'inferno è un nome per il luogo dove si trovano tutti i poteri e Satana non è il nome per un solo Dio, ma impersona tutti i poteri dell'oscurità e dell'ignoto. 
Questi poteri sono altrettanto cattivi, quanto le cose conosciute. 
Se non ci fosse il male non ci sarebbe il bene, ci deve per forza essere un contrasto, non c'è bianco, senza nero"

"Io non credo in un unico Dio al di sopra di tutto e di tutti, come avviene nel Cristianesimo. 
Chi mi può provare che ci sia un unico Dio giusto e al di sopra di tutto? 
Chi mi può provare o chi ha stabilito che il Dio del Cristianesimo è superiore alle divinità delle altre religioni? 
D’altro canto non posso provare nemmeno il contrario, ovvero che ci sia qualche entità ‘superiore’ al Dio dei Cristiani"



L'EPISODIO CON LE GIRLSCHOOL
King Diamond parla di un concerto del 1982 dove facevano da spalla al gruppo inglese Girlschool: "Il nostro primo rito con un gruppo maggiore fu a Copenaghen con le Girlschool. 
A detta di tutti l'atmosfera che si respirava nella hall era molto pesante ed irreale. 
Terminato il nostro show, ero nel mio camerino a togliermi il trucco e da lì potei sentire che durante il primo brano delle Girlschool c'era uno strano rumore stridulo che proveniva dagli speakers. 
Uno dei nostri roadies corse nel camerino e mi segnalò il fatto; io, senza un motivo apparente gli risposi: “Non ti preoccupare, aspetta un minuto e finirà per il resto della serata”. 
Alla fine del brano la chitarrista è stata colpita da una scarica elettrica proveniente, pare, dalla chitarra e portata in ospedale; il concerto, ovviamente, non è proseguito. 
I successivi controlli dei tecnici e della polizia non riscontrarono assolutamente nulla di anomalo ed il fatto non ha trovato una spiegazione. 
Inutile precisare che le Girlschool non vogliono più fare tournee con noi. 
Il tutto mi ha dato molto da pensare e credo che i Mercyful Fate siano amici dei poteri occulti delle tenebre"


L'ESPERIENZA CON SPIRITI E DEMONI
King Diamond: "Ci sono molti poteri occulti, io credo anche negli spiriti: sono attorno a noi. 
A volte si mostrano, a volte no ed hanno una influenza sul nostro destino, fanno sì che la nostra vita sia un equilibrio di bene e male. 
Gli spiriti esistono, noi tutti eravamo spiriti e abbiamo vissuto  vite precedenti, avremo anche vite future. lo credo che allo stato di spirito si abbia la possibilità di rivedere tutte le vite precedenti, cosa non consentita mentre si è allo stato di esseri umani. 
Poche persone hanno la possibilità di descrivere fatti e cose di vite vissute in precedenza, ciò può accadere anche solo per un solo breve periodo della stessa"

"Realizzato il nostro primo demo-tape, il batterista e mio fratello erano presenti nel mio appartamento, stavamo aspettando gli altri ragazzi per mostrarlo e ascoltarlo, quando ad un certo punto il bicchiere di mio fratello si sollevò in volo per 30 centimetri e scese giù di nuovo" 

"Io, in presenza di altre persone, ho visto il mio bicchiere sollevarsi in aria dal tavolo; mi sono sentito tirare per i capelli in momenti in cui in casa ero solo: non sono bugie" 
Nella casa di Diamond avvenne anche altro di esoterico. 
In un angolo della stanza, Diamond, teneva una specie di altare con un panno nero e candele accese, una statua di un idolo pagano, Bafometto, e due libri occulti, la Bibbia Satanica e il Necronomicon, al centro un teschio umano.

"A un certo punto lasciammo da soli Timi e la sua ragazza per divertirci un po’: io, Lars e James ce ne andammo nella mia camera da letto per giocare a calciobalilla. 
A un certo punto sentimmo un rumore spaventoso. 
Corsi in salotto e Timi e la ragazza erano lì, seduti con le facce bianche come lenzuoli. 
Tutto quello che prima stava sull’altare, era sparso per terra. Tim disse che si era sentito sollevare e scagliare via. Al che io dissi ‘Sono loro. Non preoccupatevi.’Ma poi la ragazza andò in bagno. Dopo qualche minuto, la sentimmo piangere e iniziò a gridare: ‘Qualcosa mi sta ringhiando contro. Non posso uscire! La porta è bloccata!"

Diamond non ha nessun dubbio: quella notte ci fu un’infestazione, solo una delle tante in quella casa; a dimostrazione del fatto che intorno a lui viaggiassero davvero presenze oscure.


TESTI SATANISTI
Parlando dei testi, in Melissa c'è ad esempio Into The Coven ('vieni, vieni nella mia congrega e diventa figlio di Lucifero, ora calpesta la croce'), At The Sound Of The Demon Bell (Sopra una croce che sta bruciando, il signore Gesù con Satana al di sopra, dev'essere un disonore vedere il Signore cadere ancora'), Black Funeral o Hail Satan' (Lei era una vittima della mia setta'), Satan's Fall ('È la caduta di Satana? No, è la chiamata di Satana; crani alti sui pali, è l'epigrafe di Satana, qualcosa di nuovo non la può cancellare: 666, lo chiamano la Bestia').
La titletrack Melissa, narra di una donna accusata di stregoneria e quindi bruciata al rogo da un prete cattolico ('Melissa tu eri la Regina della Notte, tu eri la mia luce; giuro vendetta sul sacerdote, il sacerdote deve morire nel nome dell'Inferno. Melissa puoi sentirmi? Melissa sei lì? Niente è rimasto là fuori, ti hanno portata via da me, io credo che Melissa sia ancora con noi'), col brano che si ergeva a simbolo di tante ingiustizie e discriminazioni compiute dalla Chiesa Cattolica.
Melissa è, come detto all'inizio, il nome del teschio custodito gelosamente da King Diamond, a suo dire il testo della titletrack gli venne narrato dallo spirito stesso.
Leggenda vuole che in seguito queste ossa furono rubate durante un concerto in Danimarca ma poi vennero recuperate.

King Diamond: "Il testo di Curse Of The Pharaos è un fatto vero accaduto alcuni anni fa quando una coppia di turisti ha profanato una piramide in Egitto e la donna ha rubato un piccolo monile che giaceva ai lati di una tomba. La Valle dei Re è un luogo misterioso, e da allora, a causa di quel furto, la vendetta dei faraoni si è abbattuta su di loro. 
Sono successe tante cose strane, fra cui la morte del marito e della donna stessa per mai chiariti motivi. 
Non bisogna disturbare i morti in modo sacrilego, perché il loro animo è ancora vivo e riposa soltanto" 

Nel secondo disco, Don't Break The Oath, troviamo Nightmare: 'C’è una luce nell’uscio, entrano 13 ombre, fanno il segno del seme demoniaco: sono nel mezzo di un cerchio magico, qualcuno mi dica cosa sta succedendo! Solo noi sappiamo il segreto della maledizione che porti con te'.
Desecration Of Soul narra di rapporti carnali ('Un accoppiamento nella notte, due ombre sopra una tomba: urla di piacere, urla di dolore; giovani amanti, dovete essere pazzi per farlo: è il dissacramento delle anime nel loro santo nascondiglio'), mentre in Night Of The Unborn si immaginavano spiriti di bambini non nati che danzano nella notte, invece Princess Of Hell è esoterica come poche ('Benvenuta a casa mia, Principessa dell'Inferno, ti saluto ancora una volta nel nome di Satana').
Come To The Sabbath invece è inquietante: 'Vieni al sabba, sabba, la cerimonia sta procedendo, è ora che tu ti conceda i tuoi desideri; una cattiva maledizione sul prete che ha preso la vita di Melissa, adesso dobbiamo concludere il rituale. Le streghe e i demoni stanno arrivando, devi solo seguire il magico richiamo; vieni, vieni al sabba, sotto il ponte in rovina'.
E poi ancora: 'Se tu dici "paradiso", io dico "un castello di bugie", se tu dici "perdonalo", io dico "vendetta": mio dolce Satana, tu sei l’unico'.
Ma forse il vero piatto forte è The Oath ('il patto'):

Sotto il simbolo del creatore
Io giuro che d’ora in poi sarò
Un fedele servo di sua maestà
Il più giovane arcangelo
Il principe Lucifero
Colui che il creatore ha scelto come suo reggente
E come signore di questo mondo
Io rinnego Gesù Cristo: l’ingannatore
E rinuncio alla fede cristiana
Ritengo di essere disgustato da tutti i suoi lavori

Adesso, parlando da possesso
in un corpo umano
In questo mondo, giuro di dare la mia piena
Fedeltà al suo legittimo maestro
Giuro di venerare il nostro signore,
Satana, e nessun altro
Nel nome di Satana, il regnante della Terra
Colui che spalanca le porte dell’inferno
E arriva dagli abissi
Sotto questi nomi: Satana, il Leviatano
Belzebù, Lucifero
Bacerò il caprone

Io giuro di dare la mia mente
Il mio corpo e la mia anima onestamente
Per sostenere i
Piani dei nostro Signore, Satana
“Fai ciò che vuoi” sarà
L’unica legge
Come all’inizio dei tempi
Come è adesso e come mai sarà
Un mondo senza una fine, amen

Dopo solo due album, i rapporti all'interno della band cominciano a deteriorarsi poiché King Diamond vuole continuare sulla strada dello stile oscuro e tetro che tanto ha dato al gruppo, mentre Hank Sherman vuole una svolta maggiormente commerciale.
Le divergenze fra i due sono insolubili così nel dicembre 1984 la band si scioglie.
Durante la carriera solista di King Diamond dove vedranno alla luce, tra gli altri, due capolavori del calibro di Fatal Portrait ed Abigail (entrambi due concept basati sempre su forze soprannaturali, occultismo e maledizioni), 9 anni dopo dallo scioglimento, precisamente nel 1993, i Mercyful Fate si riformano dando alla luce quell' In The Shadows che sorprende un po' tutti per freschezza compositiva e per i testi abbastanza diversi (l'horror sempre alla base).
Vedranno poi la luce altri quattro album: Time, Into The Unknown, Dead Again e 9 ma questa è tutta un'altra storia.


Dedica su Abigail al padre: 
"This album si dedicated to the memory of the bravest and noblest man I have ever known,my father. 
R.I.P. until we meet again. King"

Nessun commento:

Posta un commento