Visualizzazioni totali

sabato 21 novembre 2015

La Storia Delle Radio Pirata Inglesi: Caroline, Essex e Sealand

Negli anni 60 il mondo inglese, ma non solo ovviamente, si mostra molto duro e restrittivo con la diffusione sempre più crescente di stazioni radio pirata che illegalmente diffondono nell’etere musica Rock.
A differenza degli Stati Uniti, dove non c'era alcun monopolio o concessione statale da violare, ma solo un problema di accesso a finanziamenti sufficienti, in Europa per trasmettere via radio, senza essere il gestore statale, bisognava violare la legge.
D'altra parte però la premessa per nuovo mercato c'era, tanta musica alternativa che esplodeva, sulla scia del successo planetario dei Beatles e dei Rolling Stones, tanta voglia da parte dei giovani di ascoltare musica al di fuori delle fasce orarie prestabilite e di sentirsi parte di un circuito diverso e alternativo a quello degli adulti.
Ma non solo, anche Jimi Hendrix, The Who, Kinks, Cat Stevens, Moody Blues, etc
Le radio “ufficiali”, quelle di Stato (in Inghilterra rappresentate in primis dalla BBC),  si limitano a trasmettere quasi soltanto musica leggera, lontana dai gusti e dal mondo dei giovani che non riesce ad accontentarsi delle melodie classiche dell'epoca.
Come detto la radiotrasmissione è rigidamente regolamentata e le frequenze vengono controllate.
La "Radio Luxembourg" attiva già dal 1933, è stata se non la prima, certo la più famosa e seguita radio privata europea.
Di proprietà di privati francesi, puntava al più interessante bacino di utenza del periodo tra le due guerre, quello rappresentato dalla Gran Bretagna.
Nominalmente trasmetteva per il piccolo stato del Lussemburgo, ma invece di una stazione in onde medie a bassa potenza utilizzava le onde medie e lunghe e trasmettitori di grande potenza, per coprire i territori inglesi, tedesco e francese.
Le più interessanti ed innovative erano ovviamente le trasmissioni musicali in inglese (che erano probabilmente irradiate solo in onde medie).
Il governo inglese e la BBC protestarono per la violazione dei patti bilaterali sulla radiofonia, ma le trasmissioni non cessarono e la radio rimase tra le più ascoltate fino allo scoppio della guerra, durante la quale le trasmissioni ovviamente cessarono.
Dopo la guerra ripresero negli anni '50 e Radio Luxembourg ebbe un forte ritorno con la esplosione delle radio pirata di cui parlerò a breve.


GLI ANNI 60 E LE RADIO PIRATA
Come detto l’unico modo per trasmettere al di fuori di questi schemi è aggirare le regole e cosi nel 1964 alcuni imprenditori inglesi(ed irlandesi) decidono di violare l’embargo e di far trasmettere da alcune navi: la “Caroline” e la “MV Mi Amigo” ancorate al di fuori delle acque territoriali inglesi.
La Domenica di Pasqua del 1964, dalla nave ancorata al largo delle coste irlandesi, cominciarono le trasmissioni.
Gli speaker (il primo si chiamava Simon Dee), sopraffatti dalla emozione, non se la sentirono di andare in diretta, e registrarono l'annuncio di inizio delle trasmissioni, che diceva semplicemente "This is Radio Caroline on 199, your all day music station", poi mandarono il primo pezzo, ovviamente un brano dei Rolling Stones.
Così nasce la radio pirata Radio Caroline, dal nome ispirato alla figlia del presidente statunitense John Kennedy assassinato a Dallas, che diventa baluardo da quel momento e per sempre di una musica libera ed indipendente.
Già nell'ottobre dello stesso anno 1964 Radio Caroline superava negli ascolti per fascia oraria la BBC, resisteva ai tentativi della stessa BBC e del governo inglese di fare tacere le trasmissioni, e faceva da apripista ad altre radio pirata..
Negli anni seguenti Radio Caroline acquistò una seconda motonave (MV Mi Amigo) che ancorò al largo delle coste dell'Essex, le stazioni diventarono quindi due: Radio Caroline North (l'originale) e la nuova Radio Caroline South, e coprivano ormai tutte le isole britanniche e anche la costa Nord occidentale dell'Europa.
Non mancarono comunque le avversità naturali: la motonave Mi Amigo venne disancorata durante una tempesta nell'inverno del 1966 e si infranse sulla costa.
L'equipaggio venne tratto in salvo ma le trasmissioni dovettero essere interrotte per qualche tempo, ma gli organizzatori riuscirono a noleggiare un'altra nave, la Cheeta II, utilizzata per trasmissioni radio in Scandinavia, e che era inattiva in quel periodo a causa delle condizioni atmosferiche avverse nel Mar Baltico.


LA RADIO ESSEX E LA PIATTAFORMA MILITARE CHE DIVENTA UNO STATO: SEALAND!
Un'altra radio pirata storica fu la Essex fondata da Roy Bates e che trasmetteva da un ex piattaforma militare creata durante la seconda guerra mondiale.
Roy, militare inglese nel 1965 decise di occupare Fort Rough, una fortezza Maunsell per utilizzarla come stazione radiofonica, nacque cosi Radio Essex , la radio mito.
Quando essa venne occupata definitivamente, Bates aveva già avuto problemi legali a causa della succitata stazione Radio Essex.
Egli dopo aver discusso con alcuni suoi amici sul come mantenere la sua radio attiva, decise di proclamare la piattaforma uno stato indipendente!
Nel 1968 Michael Bates (figlio di Roy) venne convocato in tribunale a causa di un incidente in cui alcuni colpi vennero sparati da una fregata della marina inglese nella vicinanze di Sealand.
Secondo le cronache dell'epoca gli occupanti del vascello intendevano espellere Bates dalla fortezza, mentre per altri stavano semplicemente tentando di riparare una vicina boa nautica.
Il 25 novembre 1968 la corte affermò che, poiché l'incidente era avvenuto al di fuori delle acque territoriali inglesi, non aveva alcuna giurisdizione sull'avvenuto.
Nel 1978, mentre Roy Bates era assente, diversi cittadini dei Paesi Bassi più Achenbach (un ex compagno dell'equipaggio) assalirono la piattaforma ed organizzarono la cattura di Michael, figlio di Bates, tenuto come ostaggio, prima di rilasciarlo diversi giorni dopo nei Paesi Bassi.
Bates padre arruolò dei mercenari e con un elicottero d'assalto riprese la fortezza.
Tenne quindi prigionieri gli invasori reclamandoli come prigionieri di guerra.
I cittadini dei Paesi Bassi partecipanti all'invasione furono rimpatriati alla cessazione della "guerra"; invece Achenbach, di cittadinanza tedesca, venne accusato di "tradimento contro Sealand" e imprigionato indefinitamente.
I governi dei Paesi Bassi e della Germania avanzarono una petizione al governo britannico per il suo rilascio, ma la Gran Bretagna disconobbe ogni responsabilità, citando la decisione della corte del 1968.
Nel 1974 venne diramata anche una costituzione.
A partire dagli anni 90 , per un certo periodo, Sealand produsse anche passaporti.
A causa della quantità massiccia di passaporti in circolazione (stimata in circa 150.000 unità), nel 1997 la famiglia Bates revocò tutti i passaporti di Sealand che aveva essa stessa emesso nei precedenti 30 anni.
A prescindere dal suo status giuridico, Sealand è gestito dalla famiglia Bates come se fosse un'entità sovrana riconosciuta e verrebbe trasmesso agli eredi di famiglia.
Roy Bates si è designato come "il principe Roy" e la sua vedova come "principessa Joan".
Il loro figlio è chiamato nella piattaforma "sua altezza reale il principe Michael" ed è stato indicato come il "Reggente" della famiglia Bates dal 1999.
In questo ruolo, egli sarebbe "Capo dello Stato e di Governo".
Alla morte di Bates padre (avvenuta nel 2012), Sealand è passata nelle mani del figlio Roy.


I PROBLEMI LEGALI: CHIUSURA E RINASCITA DI CAROLINE
Tornando alle Radio Pirata e in particolare a Radio Caroline, nel 1968 tutte le stazioni pirata situate nel mare del Nord vengono chiuse dal governo inglese con un’apposita legge, la  “Marines Broadcasting Offences  Act” e tutta la strumentazione radiofonica viene venduta all’asta.
Stessa sorte subiscono le due navi ospitanti Radio Caroline che nel 1972 vengono definitivamente smontate.
Ma  lo spirito di libertà e di proseguire nel progetto, rimane.
Investitori però non se ne trovano perchè la cosa rimane altamente illegale però dall’Olanda arrivano i fondi per riacquistare la nave “Mi Amigo” e far riprendere così l’attività di Radio Caroline.
Dopo giorni intensi di lavoro in cui la forza di un sogno unisce  tante persone, il 5 maggio 1972 il suono “pirata” di Radio Caroline riecheggia nuovamente nell’etere e per tutta la giornata viene trasmesso il brano “For All We Know” di Ray Conniff.
L'area del Mare del Nord era comunque ideale per la radiofonia pirata perché baricentrica rispetto ad una vasta area densamente popolata e ricca, che comprendeva Londra, Parigi, Amsterdam, Anversa, in un raggio di soli 200 Km ma anche perché le leggi olandesi erano le meno restrittive e perché il mercato della musica e della pubblicità in Olanda era assai ricco, e costituiva quindi una buona base.
Il viaggio musicale di Radio Caroline riprende alla grande e si allarga con più stazioni.
Dalle acque internazionali di fronte all’Olanda, da una nave dispersa nel mare, ogni giorno dj si alternano per parlare forse  l’unico linguaggio veramente universale, quello della musica, in grado di tenere unite migliaia di persone anche se chi trasmette è disperso nella acque di un mare lontano.
Il collegamento con l’esterno è dato dai microfoni e ma anche dalle lettere che i dj ricevono dai loro ascoltatori e che annullano ogni lontananza fisica.
Nel 1974, però, anche il governo olandese mette al bando le radio pirata cosi che Radio Caroline, Radio Atlantis, Radio London e Radio North Sea International che si trovano  in acque olandesi sono costrette a spostarsi davanti all’Inghilterra e gli effetti del  “Marines Broadcasting Offences  Act” non si fanno aspettare.
Molte persone che lavorano o collaborano con la Radio Caroline vengono perseguite a norma di legge.
Gli anni più duri sono però  il 1977 e 1978, sempre maggior repressione di ogni forma di pubblicità di Radio Caroline in terra inglese, ogni dj di quella radio viene formalmente processato e ogni articolo sulla  stazione radio è sottoposta a censura e denunciato.
Questa stretta intorno alla radio pirata rende la sopravvivenza della stessa sempre più difficile perché le risorse economiche scarseggiano.
Ai problemi economici sin uniscono anche problemi pratici, elettrici e di ancoraggio della nave che portano il 20 ottobre del 1980 all’affondamento della nave nelle acque davanti a Long Sand.
Ronan O’Rahilly, l’irlandese fondatore della stazione, trova altri fondi  e cosi viene acquistata la “Ross Reverenge”, gigante nave anti-ghiaccio che diventa nuovo baluardo della musica pirata di Radio Caroline.
La situazione dal punto di visto legale però è sempre più difficile, i tender utilizzati per portare i viveri a bordo della Ross Revenge sono sequestrati di continuo e i dj trovati a bordo arrestati.


NAVI PIRATA AFFONDATE
Il 18 agosto 1989 l’atto finale.
Il  governo inglese decide in pieno accordo con le autorità olandesi di utilizzare la forza per chiudere per sempre la stazione radio pirata più famosa del mondo.
La motivazione ufficiale è un’azione internazionale per interrompere le trasmissioni in onde corte perché di interferenza con il servizio radiofonico di assistenza ai naviganti.
Tutto l’equipaggio e i dj presenti sulla nave vengono arrestati e tutta l’apparecchiatura distrutta o smontata e portata via.
Il 1 novembre  del 1990, dopo alcuni altri tentativi di continuare a dare voce a Radio Caroline, le trasmissioni chiudono per sempre dinnanzi alle enormi difficoltà pratiche ed economiche.

venerdì 20 novembre 2015

Migliori Film Rock e Metal Con Trame

In questo articolo vedremo i migliori film ispirati alla musica Rock e Metal.
Film ma anche documentari o biografie, accompagnati da breve trame.



Across The Universe (2007)
Siamo in pieni anni 60, Liverpool.
Jude decide di lasciare l'Inghilterra per recarsi in America alla ricerca del padre emigrato anni prima verso gli Stati Uniti. Lì conoscerà nuove persone, si innamorerà, e si scontrerà con la realtà della guerra in Vietnam, dei movimenti pacifisti, del mondo della musica.
Con le note e i testi dei Beatles (in versione rivista e corretta dai protagonisti) a ispirare la sua storia.



Airheads: Una Band Da Lanciare (1994)
Una band di pazzi (Chazz, Rex e Pip) che suona Hard Rock è snobbata dai produttori discografici.
Un giorno il gruppo ha l’opportunità di far ascoltare un proprio brano in una trasmissione radio.
Così, di fronte al comportamento a dir poco snob del dj dell’emittente Chazz perde definitivamente la pazienza.
Impugna una pistola ad acqua e impone la messa in onda, poi ne succederanno tante.



Almost Famous (2000)
William Miller sogna di scrivere su "Rolling Stone", giornale Rock.
Incredibilmente il suo sogno si realizza, potrà farlo.
E non solo, ma avrà anche la possibilità di frequentare il gruppo degli Stillwater.
La madre non la prende benissimo "delle rock star hanno rapito mio figlio", in effetti il ragazzo è stato letteralmente rapito da quel "giro" e si accorge che si tratta di svitati.
Così come svitate sono le fans, disposte a qualsiasi cosa pur di star vicine ai loro beniamini.



Detroit Rock City (1999)
Il titolo dice tutto: una delle canzoni più famose dei Kiss.
La trama del film invece racconta le peripezie affrontate da quattro ragazzi che negli anni '70 volevano a tutti i costi andare a un concerto appunto dei Kiss.
Uno di loro riesce a procurarsi i biglietti ma sua madre, che non ha affatto piacere che suo figlio vada al concerto, li distrugge.
I ragazzi faranno di tutto per essere presenti ugualmente.



Great Balls Of Fire: Vampate Di Fuoco (1989)
Nel 1956 il pianista Jerry Lee Lewis si trasferisce a Memphis nel Tennessee, presso la famiglia di suo cugino J.W. Brown, un musicista anche lui, per tentare un'audizione con il manager Sam Phillips, fondatore della Sun Records ed ex impresario di Elvis Presley.
Lewis ottiene un successo clamoroso con le sue canzoni, dove freneticamente suona il pianoforte e con un vocalismo martellante, esaltando il pubblico giovanile, ma disgustando i benpensanti e suo cugino.



Hesher E' Stato Qui (2012)
T.J. è un ragazzino a cui è morta da qualche mese la madre in un incidente stradale.
La vita familiare è stata sconvolta dal decesso: il padre Paul è caduto in depressione e la nonna cerca in qualche modo di accudire i due sopravvissuti.
Un giorno però nella vita della famiglia entra Hesher.
Capelli lunghi, tatuaggi artigianali sul petto e sulla schiena, volgarità all’ennesima potenza il giovane si trasferisce in casa manifestando un comportamento del tutto imprevedibile.
Logo preso dai Metallica?



I Love Radio Rock (2009)
Siamo sempre in Inghilterra, patria del Rock, anni 60.
I  teenager ai tempi trovavano una scappatoia dalla severa realtà ascoltando le radio pirata che, a differenza della BBC, trasmettevano canzoni Rock ventiquattro ore al giorno.
Spaventato dall'influenza che quella musica ribelle e trasgressiva poteva avere sui giovani e giovanissimi, l'austero ministro Dormandy decide di avviare una personalissima battaglia per farle chiudere e affida a Twatt l'onere di trovare un cavillo legale che possa servire al suo scopo.




La Febbre Del Sabato Sera (1977)
Ok, non è un film Rock propriamente detto ma ci sono gli eccessi: macchine, alcool ed amore.
Siamo negli anni 70 e il giovane Tony Manero lavora in un colorificio, fa il suo dovere e vive in famiglia.
Ha i normali piccoli contrasti coi genitori, ma non ha particolari grilli per la testa.
Poi c'è il sabato sera.
Ecco, Tony è il re delle discoteche.
Una volta sulla pedana da ballo si trasforma.
Ma il sabato non vuol dire solo discoteca, vuol dire bere, correre in macchina, far l'amore.
Vuol dire eccessi.
Un suo amico, scherzando, cade accidentalmente dal ponte di Brooklyn e muore.
Tony, nel frattempo, si è innamorato della sua compagna, che però non lo ricambia.



L'Ispettore Coliandro: 666 (2010)
Siamo in una Bologna noir e questa volta l'ispettore ce lo ritroviamo con un gruppo di satanisti.
Mentre si trova confinato nell’unità cinofila a parlare con i cani e ad aspettare la fine del periodo di castigo, viene a fargli visita sua sorella.
E’ preoccupata per Angelica, la figlia, che frequenta gente strana ed ascolta Metal.
Vuole che il fratello vada a fare un giro nel locale frequentato dalla nipotina per incutere paura, in modo che i tipacci satanisti stiano alla larga dalla ragazza.



Morte a 33 Giri (1986)
Film Horror con comparsate di Ozzy e Simmons dei Kiss.
Eddie Weinbauer, un teenager americano fan dell’Heavy Metal viene a sapere che il suo idolo Sammy Cur è morto nell’incendio di un albergo.
Un suo amico gli regala l’unica copia incisa dell' ultimo disco della rockstar.
Eddie scopre a sue spese che il disco suonato al contrario scatena micidiali forze del male, capaci di controllare vita e morte.
Sicuramente non il film del secolo e forse pure banaluccio (ricalcando più o meno tutti gli stereotipi della musica Rock e Metal) però merita un'occhiata.




Motel Woodstock (2009)
Theichberg lavora come arredatore al Greenwich Village ed è impegnato sul fronte del riconoscimento dei diritti degli omosessuali. Ha però un grosso problema perchè i suoi genitori Jake e Sonia (due ebrei fuggiti dall'Europa dell'Est) stanno per perdere, a causa dei debiti, il Motel che gestiscono a Catskill.
Le soluzioni non sembrano a portata di mano fino a quando giunge la notizia che gli organizzatori di un'importante manifestazione musicale si sono visti ritirare l'autorizzazione dalla municipalità di Wallkill.
Elliot telefona, offre il Motel come base e presenta il vicino proprietario di un terreno di 600 acri.
I 3 giorni di Pace e Musica stanno per realizzarsi.



Quadrophenia (1979)
Siamo a Londra, anni 60, in piena lotta tra Mods e Rockers, i 2 principali movimenti giovanili a cui si aggregano i ragazzi britannici, si preparano al gran giorno in cui si scontreranno tra loro, alla spiaggia di Brighton, senza esclusione di colpi.
Jimmy è un Mod puro, veste un parka e guida una lambretta, ascolta Rhythm And Blues e cura il proprio taglio di capelli.
Dentro di sé la rabbia è pronta ad esplodere, alimentata dall'odio per un mondo incapace di comprenderlo.



Rock Of Ages (2012)
Siamo nella Los Angeles Glam degli anni 80, esattamente nel 1987 dove il Bourbon Club è il centro della scena musicale Rock della città. In questo mitico locale s'incontrano Sherry, ragazza di provincia appena arrivata per cercare fortuna come cantante, e Drew, che con lei condivide la passione per la musica.
Tra i due è amore a prima vista.
Intorno a loro ruoteranno le vicende di una serie di personaggi leggendari come Stacee Jaxx, icona del Rock che sembra aver perso la sua anima realmente ribelle in favore del successo economico.



Rock Star (2001)
Questo film è ispirato alla storia, apparsa sul New York Times, di un musicista dilettante, specializzato nell'imitazione di una Rock Star, che il destino porta a debuttare sui palchi veri, sostituendo il suo idolo.
È quanto accade a Chris, che si guadagna la vita riparando macchine fotocopiatrici, e in piccoli spettacoli imita il suo idolo, Bobby Beers, l'eroe degli Steel Dragon.
Incoraggiato dalla sua ragazza che, a sua volta, crede ciecamente in lui, compone canzoni e cerca di dar forza al suo gruppo.
Ecco che, incredibilmente, avviene il miracolo: si tratta proprio di sostituire Bobby Beers ma ci saranno tante problematiche.



School Of Rock (2003)
Un musicista, genio e sregolatezza, viene cacciato dalla band da lui stesso creata e, grazie ad un inganno, si sostituisce all'amico professore nella scuola più prestigiosa e politically correct dello stato; seguono varie peripezie che lo portano a far scoprire agli annoiati studenti l'amore per la musica ed il senso della vita.
Tutto visto in salsa drammatica, poetica, razionale.



Sid e Nancy (1986)
La storia del tempestoso e tragico amore fra Sid Vicious, il bassista del complesso Punk Sex Pistols, e Nancy, tossicodipendente.
Lei lo introduce nel tunnel della droga da dove non usciranno più.
Durante un "viaggio" Sid uccide accidentalmente Nancy.
Va in prigione, da dove esce per entrare in un manicomio (e di lì non uscirà più).



Still Crazy (1988)
Nel 1977 si svolse a Wisbech un festival Rock, che vide gli Strange Fruits, Rock band inglese, tra i protagonisti più acclamati.
Vent'anni dopo: gli Strange Fruits si sono sciolti da tempo in modo violento e chiacchierato, e i vari componenti si sono divisi, precipitando nella mediocrità e nella povertà.
Un giorno Tony, ex tastierista della band, si presenta a casa di Karen, un tempo assistente del gruppo, ora quarantenne separata con una figlia adolescente, e le espone il folle piano di riunire il complesso in occasione del festival di Wisbech del 1998.



Tenacious D e Il Destino Del Rock (2006)
In California, JB e KG fondano la Rock band Tenacious D puntando molto in alto: essere il gruppo più importante nella storia della musica.
Per riuscire nell’impresa hanno però bisogno di un magico plettro, già usato da Jimi Hendrix e Eddie Van Halen, conservato in un museo che dista 300 miglia da casa loro.



The Rocker: Il Batterista Nudo (2008)
Erano gli anni 80 quando Robert Fishman era batterista in una Hair band e sognava di diventare un'icona del Rock. "Congedato" vent'anni prima dai suoi compagni ammirati e celebrati come Vesuvius, Fish è un impiegato frustrato che colleziona licenziamenti e ripara dalla sorella, moglie e madre apprensiva. Scoperto che il nipote Matt, adolescente timido e introverso, suona in una band, si propone al gruppo come batterista. Superate le diffidenze iniziali, Fish viene reclutato dagli A.D.D. e si prepara a cogliere la seconda occasione.



The Rocky Horror Picture Show (1975)
È il 9 agosto 1974, Brad Majors e Janet Weiss sono al matrimonio dei loro amici.
Dopo la cerimonia, Brad chiede a Janet di sposarlo e lei dice di sì.
Decidono, quindi, di andare dal Dr.Scott, poiché si sono conosciuti mentre frequentavano il suo corso universitario.
Durante il viaggio, si perdono in un bosco durante un forte temporale, mentre, alla radio, Nixon annuncia le proprie dimissioni.
Decidono di tornare indietro, ma si buca una ruota e cercano aiuto in un castello che avevano visto poco prima sulla strada.
Tra spettacoli e delitti, una commedia Noir particolare.



The Wall (1982)
A Los Angeles, Pink, rockstar famosa ma con problemi di droga, rivive, grazie ad un film di guerra, i momenti più significativi della sua tragica esistenza: il padre morto in guerra quando lui era ancora in fasce, il crudele maestro di scuola, la madre iperprotettiva, la moglie infedele e le groupies che darebbero l'anima per stare con lui.
Tutti questi avvenimenti non hanno fatto altro che erigere intorno a Pink un muro psicologico che lo protegge dalle altre persone, ma che col passare del tempo lo soffoca.
Pink diviene pazzo.
Le persone che organizzano il suo tour lo trovano in condizioni disumane, e dopo averlo rimesso in sesto lo trascinano ad un concerto che sembra una parata nazista.
Qui Pink marcia, seguito da agguerriti skinheads, sulle altre persone, raggiungendo il culmine della pazzia; poi, stanco di questa allucinante situazione, si autosottopone ad un processo in cui tutti i personaggi significativi della sua vita, rappresentati come grottesche creature, lo accusano delle sue infamie.
Alla fine il Giudice impone a Pink di distruggere il muro, riesponendolo così al mondo reale.



This Is Spinal Tap (1984)
Documentario fittizio che parla di una band fittizia.
Si tratta di una parodia della scena Hard Rock ed Heavy Metal dell'epoca e degli stereotipi della vita delle Rock Star. Abbondanti le citazioni: Scorpions, Led Zeppelin, AC/DC, The Rolling Stones, The Who, Queen, Aerosmith, KISS, Black Sabbath, Judas Priest, Motörhead e The Beatles, insieme a molti altri.



Tommy (1969)
Un bambino, Tommy, assiste, all'uccisione del padre per mano del patrigno.
L'evento traumatico lo rende cieco, muto e sordo nonchè distaccato dal mondo.
Per cercare di guarirlo, la madre ed il patrigno, avido ed alcolista, provano a ricorrere a discutibili personaggi: Hawker, un predicatore che lo introduce nella sua setta religiosa che idolatra Marilyn Monroe; Acid Queen, una prostituta che usa l'LSD come stimolo sensoriale; Kevin, un cugino sadico, ed infine il pervertito zio Ernie; inutile dire che lo stato mentale del ragazzo non ne troverà giovamento ed egli continuerà a restare immobile a contemplarsi di fronte ad uno specchio sino a che diverrà un campione di flipper.



Until The Light Takes Us (2008)
Nei primi anni '90 le fredde notti della Norvergia sono illuminate dalle fiamme di Chiese Cristiane bruciate. Accusati di questi atti sacrileghi sono un gruppo di giovani poco più che ventenni di Bergen, che si ritrovano nello scantinato di un negozio di dischi, l'Helvete, per suonare e dar vita al movimento di musica estrema denominato Black Metal.
Ma questo gruppo di giovani, chiamato Inner Circle, non si limita a bruciare Chiese, profanare tombe e a suonare musica estrema con testi anticristiani, la loro concezione del mondo, della vita e della società li porta a commettere aggressioni, suicidi ed omicidi.



Velvet Goldmine (1998)
Nel 1984 Arthur Stuart, giornalista di New York, viene incaricato di svolgere una ricerca su un cantante Glam Rock scomparso delle scene, Brian Slade (ispirato a David Bowie).
Esattamente dieci anni prima, infatti, la popolare Rock Star aveva simulato il suo omicidio durante un concerto e da quel momento se ne erano perse le tracce.
Il giornalista durante le indagini rivivrà la sua storia, essendo lui inglese e avendo frequentato l’ambiente Glam che ora gli risulta tanto lontano da sembrare appartenere a una vita non sua; scova persone della vita di Brian che però non lo vedono, né hanno sue notizie da svariati anni.



Walk The Line: Quando L'Amore Brucia L'Anima (2005)
Questo è un film biografico che ripercorre la vita di Johnny Cash: dall'infanzia nel countryside al servizio militare, agli esordi, quando il Rock'N'Roll era una questione di scintille, al concerto del '68 nella prigione di Folsom.
Quando l'onda del successo è impetuosa e il talento rischia di seppellire l'uomo, l'amore per June Carter può essere insieme dannazione e salvezza.
Dai campi di cotone dell'Arkansas a idolo delle folle d'america, la parabola del "man in black" per eccellenza è un vortice di successi ed eccessi degno di una leggenda.



Wayne's World: Fusi Di Testa (1992)
Wayne e Garth sono due metallari che hanno vite fuori dagli schemi, nonostante Wayne viva ancora con i genitori. Lo scantinato di Wayne è il loro piccolo mondo nel quale dare il peggio di sé stessi trasmettendo uno show su una TV via cavo locale. Un avido manager, interpretato da Rob Lowe, li nota e cerca di lanciarli nella grande emittenza, snaturando il concetto originale dello show.

lunedì 2 novembre 2015

La Storia Dei Windir e La Morte Di Valfar

I Windir furono fondati nel 1994 a Sogndal, in Norvegia, da Valfar (Terje Bakken).
Il batterista Steingrim e il chitarrista Sorg fecero parte anche dei Windir storici (quindi delle primissime lineup).
La parola Windir vuol dire "Warrior", la maggior parte dei testi sono stati scritti nel dialetto norvegese Sognamal.
La band combinò musica Black Metal con influenze Folk (e Viking, per quanto riguarda i testi).


I DISCHI
Grazie ai primi due demo, Sognariket (1994) e Det Gamle Riket (1995), la band si affermò nell'underground Black Metal norvegese (che ai tempi, come sappiamo, era molto florido).
Il debutto, Soknardalr, fu registrato in soli 4 giorni nel gennaio 1997 e messo in commercio nell'aprile dello stesso anno.
Tranne per le parti di batteria (eseguite da Steingrim), l'intero lavoro è stato creato e suonato da Valfar.
Quasi 50 minuti di grande musica con brani quali la stupenda "Likbør" o "Sóknardalr" rimasti nella storia.
E' un disco Black Metal con qualche influenza Folk, in alcuni passaggi forse ancora un po' ingenuo ma che lasciava intravedere il grandissimo potenziale di Valfar.
Nel periodo tra agosto e ottobre 1998 viene registrato il secondo album, Arntor.
L'album viene pubblicato nell'estate del 1999 in Norvegia.
A differenza del primo album più orientato verso il Black, Arntor presenta un lato maggiormente Folk.
Un disco portatore di nuove idee e di aria fresca e per di più arricchito da una componente territoriale che in passato altri gruppi avevano usato in maniera più che convincente, ma mai così sincera.
I testi dell’album raccontano le gesta eroiche di Arntor (un contadino divenuto guerriero per amore della propria terra), tornato dall’esilio danese imposto nel 1180 da Sverre Sigurdsson, per combatterlo e riconquistare il trono.
Le cose non andarono come sperato: il re Erlingsson(per cui parteggiava Arntor) fu sconfitto, l’usurpatore Sigurdsson divenne re di Norvegia dal 1184 (guarda caso album successivo dei Windir) al 1202, Arntor morì dopo aver portato il suo villaggio alla rivolta e la sua Sogndal venne rasa al suolo.
A rimarcare la territorialità di questo album, i testi in dialetto.
L’album è registrato nei Grieghallen Studio di Bergen (Emperor e Mayhem tra le altre) ed è prodotto da Eirik Hundvin, capace di conferire un sound potente, epico e al tempo stesso brutale.
"Byrjing" è accompagnata con e tastiere.
A rompere l'incantesimo ci pensa il drumming martellante e dall'urlo gelido di "Arntor, Ein Windir", canzone in cui i ritmi forsennati dell'esordio sono capaci di rallentare ed adattarsi alla drammaticità della storia narrata.
"Kong Hydnes Haug" è più malinconica ed oscura con cori solenni.
Chiudono degnamente “Svartesmeden Og Lundamyrstrollet”, “Saknet” ed “Ending”.
Nel 2001 viene registrato 1184, che fa conoscere i Windir anche al di fuori della scena norvegese.
A questo punto la band è divenuta una formazione con l'innesco di Hvàll e la sua band, gli Ulcus, anch'essi originari di Sogndal.
Il disco tratta temi come l'odio e l'orgoglio intramezzate da altre che riprendono il tema del titolo: si parla della battaglia navale scoppiata in Norvegia nel 1184 quando i cittadini del paese di Sogndal cappeggiati da un uomo di nome Arntor si ribellarono al loro tirannico sovrano Sverre per le eccessive tasse da lui pretese. Il re mandò una flotta con lo scopo di sedare nel sangue la sommossa, ma un sovrano locale gli si oppose nella speranza di succedergli e nella battaglia che seguì 2000 persone persero la vita, mentre Sogndal fu rasa al suolo.
Todeswalzer apre le danze: troviamo sfuriate di puro Black Metal intramezzate da ottime melodie.
Il disco nei suoi quasi 50 minuti rimane vario tra gli indimenticabili passaggi in clean (Heidra) e le rapide accelerazioni. "Dance Of Mortal Lust" e "Destroy"(vero inno da guerra) sono ricche di pathos, poi si giunge alla degna conclusione che rappresenta la morte di Arntor: "Journeys To The End" (canzone valida ma forse un po' troppo prolissa nel suo incedere finale fatto di synth e tastiere. Strana ma bella).
Nel 2003 i Windir danno alla luce Likferd e nello stesso anno vanno negli Stati Uniti per un tour.
Likferd, per uno strano scherzo del destino, vuol dire "Funerale".
Apre "Resurrection Of The Wild", canzone potente caratterizzata da voci clean in grado d’immergere subito l’ascoltatore in un turbine di emozioni: si percepisce epicità, orgoglio, fierezza ma anche tristezza e malinconia.
Le varie canzoni non si distaccano troppo come stile l’una dall’altra, ma riescono a non sembrare mai l’una la fotocopia dell’altra, notevole l’inizio di fisarmonica di "Fagning", la potenza vichinga di "Martyrium" e "Despot", l’oscurità di "On The Mountain Of Goats" e le melodie della conclusiva "Ætti Mørkna".
Questo fu l'epitaffio della band.


LA MORTE DI VALFAR (14/15 GENNAIO 2004)
Il leader della band viene trovano morto il 17 Gennaio 2004 (aveva 25 anni).
Inizialmente girano voci su un suo presunto suicidio: sarebbe stato trovato morto in casa sua.
Tuttavia la band e la famiglia qualche giorno dopo smentiscono queste voci e diramano il comunicato ufficiale:
"Dobbiamo purtroppo informare voi tutti che Terje Valfar Bakken è stato trovato morto il 17 Gennaio 2004. Terje si era allontanato da casa il 14 Gennaio e quando non vi ha fatto ritorno la sua famiglia, preoccupata, ha contattato la polizia.
Il 17 Gennaio le nostre paure hanno trovato conferma.
Terje è stato ritrovato cadavere a Reppastolen, nella valle di Sogndal".
La ricostruzione di quei tragici giorni è la seguente: mentre il musicista si stava dirigendo a piedi verso la casetta di legno della famiglia, a Fagereggi, a causa del freddo e della neve il suo viaggio si è reso molto più difficile di quanto probabilmente Valfar avesse messo in conto.
Il frontman dei Windir, quando ha compreso che non sarebbe riuscito a raggiungere la sua meta, è tornato indietro ma ormai era troppo tardi.
Il medico legale che ha esaminato il suo cadavere ha concluso che Valfar è morto per ipotermia.
Terje è stato sepolto presso la chiesa di Stedje lo scorso 27 gennaio.


LA FINE DELLA BAND E L'ULTIMO CONCERTO AD OSLO (3 SETTEMBRE 2004)
Il 4 marzo 2004, con un gesto saggio e corretto, i rimanenti membri della band dichiarano i Windir sciolti. Una fine infelice ma dignitosa, che viene coronata il 3 settembre 2004 da un concerto per onorare la memoria di Valfar al Rockefeller auditorium di Oslo.
Lo stesso giorno la band pubblica Valfar, Ein Windir, una raccolta di materiale inedito, pezzi live e cover.
"Il concerto di addio al Rockefeller di Oslo del 3 settembre è stato un tremendo successo. C'erano circa 1200 persone e i Windir, in compagnia del fratello di Valfar, Vegard Bakken, hanno fatto un grande show.
I Windir vogliono ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile questo evento speciale".
Così, il 3 Settembre 2004, i Windir salutano e ringraziano, se stessi e gli altri.
È l'epitaffio definitivo di una band giovane e molto valida che ha voluto salutare il proprio condottiero morto 8 mesi prima.